L'ora della merenda

Abbiamo pensato di dare semplici consigli ai genitori, consigli riguardanti l'alimentazione, lo sport, la salute, il gioco.

Ecco oggi un primo consiglio da parte della dott.ssa Erika, collaboratrice dell'Associazione La Famiglia

 

Molto importante nella giornata di un bambino o un ragazzo è la merenda... è però anche uno di quei momenti che per praticità genitori e nonni rischiano di inciampare in spuntini poco nutrienti e troppo ricchi di zuccheri e/o grassi. PERCHÉ È COSÌ IMPORTANTE LA MERENDA? Possiamo riassumere in 3 punti i motivi per cui è importante fare merenda.  permette di ricaricare le energie durante la giornata e sappiamo che i bambini non stanno mai fermi!  evita di arrivare ai pasti meno affamati, ma non troppo sazi;  riesce a controllare e mantenere stabile i valori di glicemia nel sangue, evitando brusche oscillazioni.  COSA MANGIARE A MERENDA? Una corretta merenda deve fornire tra il 5 e il 7% delle calorie giornaliere. Per farla breve, uno spuntino non deve essere né esagerato per non arrivare al pasto principale con poco appetito ma neanche misero e, soprattutto, deve essere calibrato in base all’attività fisica del proprio bimbo. Evitiamo di offrire merendine e snack vari che NON bisogna demonizzare ma neanche fornirli in continuazione ai nostri bimbi. Offrite invece spuntini equilibrati come yogurt, frutta fresca, frutta secca, un frullato, una fetta di pane (meglio se integrale) con dell’olio e pomodorini o marmellata (senza troppi zuccheri) o creme di frutta secca, ogni tanto anche un dolce fatto in casa... insomma le proposte sono tante, bisogna solo scegliere!!! 

(Dott.ssa Erika Perini - biologa nutrizionista,  collaboratrice di Associazione La Famiglia)


  • Condividi

Altre Notizie Blog


L'ora della merenda

L'ora della merenda

Abbiamo pensato di dare semplici consigli ai genitori, consigli riguardanti l'alimentazione, lo sport, la salute, il gioco.

Temporanea accoglienza? Famiglie d'appoggio

Temporanea accoglienza? Famiglie d'appoggio

Una forma di accoglienza che offre una flessibilità maggiore rispetto all'affido vero e proprio è la “disponibilità ad aiutare e/o ospitare un bamb

Stili di attaccamento e strategie adattive nel bambino in affido

Stili di attaccamento e strategie adattive nel bambino in affido

Sulla base degli esperimenti condotti negli anni’70 dalla psicologa canadese Mary Ainsworth, allieva di Johh Bowlby, padre della teoria dell’attacc

Il ruolo delle prime esperienze infantili di accudimento

Il ruolo delle prime esperienze infantili di accudimento

Nel 1951 John Bowlby, psicanalista britannico, presentò all’OMS una relazione sulle cure materne e la salute mentale del bambino in cui definiva la